admin

Teatro e Sicurezza sul lavoro

legge-626-mondo_-del_-lavoroOffrire servizi alle aziende in ambiti di formazione e comunicazione utilizzando l’arte e la tecnica teatrale: è quello che fa Te. D. Teatro D’impresa, realtà di Lastra a Signa (FI) che usa la metodologia e gli esercizi di training teatrale per formare e consentire alle persone di razionalizzare e trasferire l’esperienza acquisita nel contesto lavorativo. Un esempio è rappresentato dal progetto “SicuraMente siamo tutti attori della Sicurezza”, svoltosi nel 2012 nella sede di un noto gruppo industriale e rivolto a tutte le risorse direttamente coinvolte in azienda sul tema della Sicurezza. Il progetto, a cui hanno preso parte anche rappresentanti della Dirigenza e di Organizzazioni Sindacali, si è avvalso di un format interattivo, che ha permesso di raccontare la cultura della Sicurezza in azienda e ha favorito nei partecipanti la riflessione e l’elaborazione di proposte in un’ottica di responsabilizzazione individuale.  Continua a leggere

La creatività come motore di sviluppo: la Fondazione Ermanno Casoli

Schermata 12-2457008 alle 16.52.35

Alla base delle attività promosse dalla Fondazione Ermanno Casoli c’è la convinzione che l’arte contemporanea, in quanto attivatrice di pensiero, contribuisca a rompere i paradigmi tradizionali del sapere comune, permettendo alle persone che si avvicinano ad essa di prendere confidenza con uno stato mentale ed emotivo che porta al manifestarsi di una possibilità inattesa. Questo rende l’arte lo strumento più adatto per creare contesti esperienziali aperti e innovativi. La Fondazione promuove progetti che contaminano arte e organizzazioni aziendali affinché si possano innescare originali processi di innovazione rafforzando la creatività e la coesione sociale. Tutte le attività promosse dalla Fondazione trovano in Elica l’incubatore in cui sperimentarne i risultati, affinché possano poi essere applicate in altri contesti.

Continua a leggere

L’impresa si racconta: il Corporate Storytelling

wheelIl concetto di storytelling si è sviluppato a partire dagli anni Novanta negli USA, ma riguarda una tecnica molto antica, che trae le sue origini dalla narratologia. Il narrative turn che ha caratterizzato questi anni ha portato ad un rinnovato interesse verso la narrazione, perché attraverso essa è possibile farsi ascoltare, incantare, terrorizzare, emozionare…ma, soprattutto, farsi ricordare. Il Corporate Storytelling nasce quindi in un contesto caratterizzato da overload informativo, nasce per fare la differenza, per far sentire la propria voce. Le storie organizzative sono un prodotto complesso e vario, per questo si suddividono in tre ambiti diversi a seconda del punto di vista impiegato (individuale, strategico, di consumo):

Continua a leggere

Storytelling creativo

Limgresa creatività è un fattore sempre più determinante nel motivare o nel contribuire alla costruzione di una mappa esplorativa e cognitiva di un luogo, un’impresa, un prodotto o un servizio. Il rapporto tra innovazione, creatività e cultura appare destinato a farsi ancora più stringente e vincente, soprattutto se una tale relazione possono emergere soluzioni in grado di soddisfare i bisogni di approfondimento e di “orientamento” nei confronti delle storie dei luoghi, delle imprese e dei loro prodotti.

Continua a leggere

Il teatro alla Borsa Locale del Turismo

Di uso ‘alternativo’ dei teatri si è parlato anche durante la Borsa Locale del Turismo, workshop di iniziativa regionale svoltosi tra la fine di settembre ed i primi di ottobre. Il workshop si è concentrato sulla messa a punto di standard di qualità ed innovazione dei servizi turistici, e lo ha fatto coinvolgendo i gestori di strutture ricettive e ristorative, stabilimenti balneari, centri benessere, centri convegni e…teatri!

Continua a leggere

Il teatro non solo teatro

Produrre e distribimagesuire spettacoli, ed eventualmente gestire anche una sala, è sempre meno sufficiente a sostenere l’economia di una compagnia: la ricerca di soluzioni parallele, collaterali o autonome rispetto alla produzione, è oggi quanto mai necessaria per la sopravvivenza. Mimma Gallina, nel suo “Il teatro possibile” (FrancoAngeli, 2006) ne mette a fuoco alcune.

Continua a leggere

Il progetto Kunstgreb

Schermata 10-2456960 alle 11.26.57Arti performative e imprese: un connubio che nel nord Europa si trova ad uno stato di maturazione più avanzato rispetto all’Europa mediterranea, dove ancora si avverte un forte bisogno di buone pratiche cui fare riferimento. Il gruppo di lavoro del Consorzio Marche Spettacolo ha scovato nella rete il progetto Kunstgreb, cofinanziato in Danimarca dai Fondi Strutturali nel ciclo 2007-2013 per l’attivazione, da parte di artisti appartenenti a varie discipline, di interventi di innovazione all’interno di imprese (63 interventi in 53 imprese).

Continua a leggere

Le Marche: una "smart and creative diversification area"

imgres

E’ così che definisce la nostra regione lo studio KIT del Programma Europeo di ricerca ESPON, ovvero come un’area contraddistinta da grandi potenzialità, grazie ad un capitale umano di qualità e ad un dinamico e creativo tessuto imprenditoriale distribuito omogeneamente su tutto il territorio regionale. Venendo al settore specifico del progetto S.IN.C., prendiamo in considerazione il rapporto Unioncamere-Symbola 2013, che analizza dal punto di vista economico e occupazionale il sistema culturale italiano, con una particolare attenzione al caso marchigiano.

Continua a leggere

Il lavoro nel settore culturale e creativo

Schermata 10-2456954 alle 16.10.28Chi sono i lavoratori del settore culturale e creativo in Italia? E nelle Marche? Il rapporto Eurostat-2009 mette in evidenza come, generalmente, le caratteristiche dei lavoratori ivi occupati risultano essere di qualità elevata. In tutti i paesi dell’UE27, la percentuale di persone che ha conseguito la laurea o un titolo di studio superiore tra gli occupati del settore culturale è molto più alta rispetto al totale, con una differenza a livello di UE27 addirittura del 24%.

Continua a leggere

Creative Clash

Quale può essere il ruolo degli artisti nella società della conoscenza? E quale il contributo dell’arte ai processi di innovazione delle imprese? Non siamo gli unici ad essersi posti queste domande, anzi sono già numerosi gli studi e le sperimentazioni sul tema, in tutta Europa. Degli spunti davvero interessanti ci sono venuti dal progetto Creative Clash.

Continua a leggere