Vitamina A, esiti e proposte per la seconda annualità

DSC_0742

Venerdì 7 febbraio si è tenuto l’incontro di presentazione dei progetti dei Consorziati selezionati per la seconda annualità dell’Asse 1 di S.IN.C. – Spettacolo Innovazione Creatività, progetto del Distretto Culturale Evoluto regionale coordinato dal Consorzio Marche Spettacolo.

Durante l’incontro, introdotto da Alessia Tripaldi di Sineglossa Creative Ground, i Consorziati aderenti alla seconda annualità – Compagnia Rovine Circolari (per conto di AMAT), Teatro Cust 2000, Orchestra Sinfonica Rossini, Associazione Arena Sferisterio –  hanno esposto i progetti già realizzati e le nuove prospettive di collaborazione alle aziende presenti: l’azienda agroalimentare Fileni di Cingoli (Mc) e l’agenzia informatica E-xtrategy di Monsano (An).

Le proposte progettuali hanno preso le mosse dall’individuazione dei bisogni delle aziende marchigiane descritti nell’indagine Vitamina A – Indagine sulla relazione tra Artisti e Imprese nelle Marche, commissionata dal Consorzio Marche Spettacolo a Sineglossa Creative Ground. Nello specifico, attraverso l’indagine sono state individuate quattro aree di intervento:

  • comunicazione esterna:
  • cultura aziendale:
  • gestione della leadership;
  • sviluppo del prodotto.

 

Il Teatro Cust 2000 di Urbino, interessato al teatro di formazione e di ricerca italiano, ha insistito sulla possibilità di utilizzare la commedia dell’arte in contesto aziendale al fine di lavorare sul role playing per il rafforzamento delle competenze trasversali. È questo uno dei risultati ottenuti, nella prima annualità di S.IN.C., dalla compagnia Rovine Circolari, la quale con il progetto E.N.J.O.Y.! ha sviluppato uno storytelling aziendale presso la IFI s.p.a. di Tavullia (PU), con un workshop dedicato al team building e al linguaggio empatico e comunicativo.

L’Orchestra Sinfonica Rossini e l’Associazione Arena Sferisterio hanno invece puntato sul potenziale innovativo che musica classica e opera lirica possono apportare al mondo aziendale, puntando in particolar modo sul miglioramento dell’identità di un brand o di un prodotto – e dunque del loro posizionamento all’interno del mercato – e su progetti musicali mirati a migliorare la gestione della leadership e favorire la coesione aziendale.